Via san Geminiano, Montechiarugolo 2015

il lato bello e quello brutto della lunga via

san geminiano via

partendo dalla via della Resga verso Monticelli Terme, lungo la via San Geminiano, si possono vedere dai due lati della via, a destra  le carenze dovute all’abbandono e l’incuria del nostro paese , a sinistra la bellezza dei campi coltivati, i lontani orizzonti, al centro la lunga strada, ormai frequentata da ciclisti e pedoni in cammino, una futura isola pedonale, visto che tra non molto sparirà l’asfalto sulla strada e la natura si riprenderà la proprietà, i rovi già incalzano, forse così si impedirà alla gente di usare come discarica il lato destro della strada. Le acque del rio delle Zolle, con acque sorgive, dove è stato dedicato il giardino a mamma Zoraide moglie del Sig. Mazzoni Enrico produttore di salumi, dicevo le acque che scorrono limpide sembrano parlare, se vi fermate ad osservare sedendovi sul muretto oltre che a vedere qualche pesciolino potrete immaginare che nel passato da qui passavano viandanti  diretti al castello di Montechiarugolo, Montecchio e Canossa,oltre  ai Monticellesi che venivano a fare il bagno nel Boraccione, luogo di confluenza tra  due rii.

san geminiano viasan geminiano viasan geminiano viasan geminiano viasan geminiano viasan geminiano viasan geminiano viasan geminiano viasan geminiano viasan geminiano via