Le stelle cadenti di Agosto-Perseadi

La pioggia luminosa di meteore sembra cadere da un punto del cielo (il cosiddetto radiante) collocato nella costellazione di Perseo. A causarle, ha spiegato l’astronoma Elena Lazzaretto dell’osservatorio di Padova dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), è “uno sciame di polveri lasciato lungo la sua orbita dalla cometa Swift Tuttle, che il nostro pianeta attraversa ogni anno in questo periodo”.

stelle cadenti

“Sono frammenti di piccoli sassi della nebulosa proto planetaria da cui si è formato il sistema solare e residui delle code delle comete – spiega l’astrofisica Margherita Hack – L’orbita della Terra taglia questa scia e incontra questi residui che al contatto creano la scia luminosa che noi chiamiamo stelle cadenti”. Alla domanda ‘se esprimera’ un desiderio per la notte di San Lorenzo’, la scienziata risponde con un secco “no”.

il Circolo Astrofili G. Ruggieri di Marghera hanno organizzato per la notte di San Lorenzo una doppia iniziativa a Pellestrina, all’Oasi di Ca’ Roman. Alle ore 20.15 i volontari Lipu accompagneranno i visitatori in un tour guidato, finalizzato ad ascoltare e riconoscere i canti degli uccelli notturni, soprattutto civette, gufi e allocchi, che popolano l’oasi.

Le stelle cadenti in realtà saranno visibili dal 9 al 12 di agosto, ma per riuscire a vedere bene lo spettacolo astronomico servono delle particolari condizioni. Primo nemico dello spettacolo è la luna che facendo luce sulla volta celeste copre le stelle, quindi l’inquinamento luminoso, quello provocato dalle luci della città. La condizione ideale per vedere le stelle è il buio e le zone particolarmente alte della città, come lo Zodiaco.

stelle cadenti

Luoghi dove vederle vicino a San Geminiano di Montechiarugolo Parma.

Sicuramente lontano dal paese , in un campo , sulle nostre colline, Guardasone, Bazzano, Neviano, Scurano, Palanzano. La Luna con la sua luce riflessa può disturbare. Cadono le stelle e volano i desideri, sicuramente uno di questi è quello di viaggiare, di vedere altri posti e se siete in compagnia sdraiati col naso all’insù ad ammirare  il profondo celeste, la fantasia prenderà posto tra di voi.

planetario bedonia    Osservatorio Astronomico Padre Angelo Secchi